La nuda proprietà attira l’interesse degli investitori immobiliari

La nuda proprietà attira l’interesse degli investitori immobiliari

19 Nov 2019 – Che il mattone abbia un fascino particolare, specialmente nel nostro Paese, è risaputo. I nostri connazionali, infatti, si confermano attenti a cogliere le opportunità più interessanti sul fronte degli investimenti immobiliari, come ad esempio quelle date dalla nuda proprietà.

Un’opzione che attira

Alla base del ritrovato interesse per questa tipologia di investimento ci sarebbero innanzitutto fattori socio-economici: secondo le rilevazioni Istat, infatti, l’Italia si contraddistingue per essere uno dei Paesi con la popolazione più anziana. Spesso i nuclei familiari dall’età media avanzata hanno necessità di una maggiore liquidità per far fronte a spese impreviste, per le quali la pensione non è sufficiente. Tra le soluzioni da considerare c’è, appunto la vendita della nuda proprietà.

Le ragioni di venditori e acquirenti

Secondo quanto messo in luce dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, nel primo semestre del 2019 il 62% di chi ha deciso di vendere la nuda proprietà lo ha fatto proprio per avere a disposizione somme extra e assicurarsi un tenore di vita più elevato, ma anche per far fronte a particolari esigenze collegate all’età avanzata.

A spingere i compratori a considerare l’acquisto della nuda proprietà è in primo luogo la volontà di investire: il 68% delle transazioni, infatti, è da riferirsi a investimenti a lungo termine, mentre solamente il 32% è relativo a esigenze abitative.

Tra le tipologie di immobili più compravenduti con tale formula vi sono senza dubbio i trilocali, preferiti nel 47,4% dei casi; al secondo posto i bilocali, per il 22,8% degli investitori, seguiti dai quadrilocali (15,8%).