Milano: boom nel comparto uffici, +17,6% per i canoni d’affitto

Milano: boom nel comparto uffici, +17,6% per i canoni d’affitto

03 Apr 2019 – Il capoluogo lombardo attira sempre più investitori nazionali e stranieri, disposti a pagare canoni di locazione molto alti pur di aggiudicarsi un ufficio in pieno centro. Lo rivela un’indagine pubblicata da World Capital, che conferma una tendenza evidenziata nei mesi scorsi da Immobiliare.it: numerose grandi società sono interessate ad aprire nuovi headquarters a Milano.

Prezzi in crescita del +17,6%

Nel 2018 i valori di locazione del centro storico sono cresciuti del +17,6% rispetto all’anno precedente e hanno raggiunto la prime rent di 600 €/mq/anno. Nello specifico, il canone minimo di locazione all’interno della prima cerchia risulta essere di 200 €/mq/anno, mentre il valore massimo raggiunge quota 330 €/mq/anno. Ma i canoni si confermano alti anche al di fuori delle aree più centrali: in periferia l’oscillazione va da un minimo di 120 €/mq/anno a un massimo di 210 €/mq/anno. Quanto al taglio più richiesto dalle compagnie, in genere si attesta sui 600 metri quadri.

Location di prestigio

Lucia Dattola del Dipartimento di ricerca di World Capital guarda con fiducia all’andamento del mercato immobiliare meneghino: «Milano rappresenta una location di alto prestigio nella piazza italiana degli uffici. L’interesse che registriamo da parte delle società e degli investitori è davvero notevole, orientato soprattutto nelle zone centrali ed accessibili o in aree riqualificate o pronte ad ospitare progetti di sviluppo innovativi». Non sarà un caso, perciò, se nella lista dei 25 uffici più belli al mondo stilata da Forbes ci sia proprio la sede della Microsoft inaugurata nel 2017 nel dinamico quartiere di Porta Volta, una delle aree maggiormente in trasformazione di Milano.