Immobili commerciali: le compravendite coprono il 15% del mercato

Immobili commerciali: le compravendite coprono il 15% del mercato

01 Gen 2019 – Buone performance per il comparto degli immobili commerciali, che nel corso dell’ultimo anno ha visto una crescita sensibile del numero dei contratti di vendita. Si tratta di un’evidenza particolarmente importante in quanto contribuisce a rivedere la composizione dell’intero mercato immobiliare italiano, con strutture che via via stanno assumendo un peso sempre più importante.

Bene le compravendite, meno le quotazioni

A ricostruire il quadro relativo alle transazioni di immobili commerciali ci ha pensato un recente studio condotto da Crif Res sulla base delle elaborazioni rese note dall’Agenzia delle Entrate – Omi. La vendita e l’acquisto di immobili commerciali hanno interessato nel corso dell’ultimo anno ben 50 mila operazioni, per un totale di 15,7 miliardi di euro. Tale dinamica ha permesso al comparto di costituire il 15% dell’intero mercato immobiliare della nostra Penisola. Meno positivo l’andamento per ciò che riguarda le quotazioni al metro quadro che, stando ai dati, registrano un calo tra il 15% e il 20% in tutte le tipologie di immobili.

Grande appeal per negozi e laboratori

Prendendo in considerazione 100 transazioni negli ultimi 10 semestri, emerge chiaramente che le categorie di immobili più interessanti per gli investitori sono negozi e laboratori: questi rappresentano infatti il 50% del totale, contro il 26% degli uffici e il 24% dei capannoni. Sul fronte dei costi però, nonostante il grande appeal, negozi e laboratori mettono in luce una riduzione dei valori con un parallelo aumento dei metri quadri venduti, passando negli ultimi 5 anni dai 75 mq del 2013 agli attuali 98mq.