Mercato immobiliare: c’è una Sardegna che non conosce crisi

Mercato immobiliare: c’è una Sardegna che non conosce crisi

27 Lug 2018 – Crisi immobiliare e Sardegna sono due concetti che non vanno molto d’accordo. Lo testimonia un articolo del Sole 24 Ore in cui si prende in analisi l’andamento del mercato immobiliare nell’isola.

Partiamo dal lato sud della regione: secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate a fine 2017 le vendite erano in aumento su base annuale del 35,9% tra Chia e Santa Margherita. In crescita anche il Sarrabus, zona che comprende la parte di Sardegna tra Villasimius e Costa Rei, con il +23,6%. Tra le tendenze registrate, anche una maggiore richiesta di appartamenti da trasformare in bed&breakfast e case vacanza da parte degli investitori locali. Si tratta mediamente di un investimento di minimo 150mila euro, che può portare però a un rendimento medio giornaliero che oscilla da 80 a 150 euro in alta stagione (maggio-settembre).

Ci spostiamo verso nord per tuffarci in uno dei mari più belli del mondo, quello della Costa Smeralda. Qui la crisi appare una parola lontana: lo conferma il +10% registrato nel 2017 per le transazioni tra Olbia e Castelsardo. In particolare questa zona è leader nella fascia degli immobili di lusso: 33 ville in zona valgono più di due milioni di euro, ben 12 si trovano ad Arzachena. A comprare sono soprattutto gli stranieri (il 60% del totale) e stanno aumentando gli acquirenti di provenienza asiatica.

Ma la meraviglia della Sardegna non è rappresentata soltanto dalle coste: c’è anche un entroterra tutto da scoprire. Quello della Gallura, ad esempio. Per la zona che si estende alle spalle di Porto Cervo e Porto Rotondo il mercato ha registrato un interesse sempre crescente negli ultimi anni. Questo anche perché i valori degli immobili, con il mare che si allontana, scendono. Eppure il modo di vivere la Sardegna è ancora più autentico, come nell’abitazione caratteristica della Gallura, lo “Stazzu”. Un’abitazione rettangolare con un piano unico e pareti spesse fatte da blocchi di granito che garantiscono il fresco d’estate e il caldo d’inverno.